Ginocchio

PROTESI TOTALE DI GINOCCHIO

Se il tuo ginocchio è gravemente danneggiato da artrosi o esiti di infortuni, può essere difficoltoso eseguire attività semplici, come camminare o salire le scale. Potresti anche cominciare a sentire dolore mentre sei seduto o sdraiato.

Se i trattamenti non chirurgici, come farmaci e tutori non sono più utili, potresti prendere in considerazione un intervento chirurgico di sostituzione totale del ginocchio. L’intervento chirurgico di protesi articolare è una procedura sicura ed efficace per alleviare il dolore, correggere la deformità delle gambe, e ti aiuterà a riprendere le normali attività.

La chirurgia di sostituzione del ginocchio è stata eseguita la prima volta nel 1968. Da allora, i miglioramenti in materiali e tecniche chirurgiche hanno aumentato notevolmente la sua efficacia. La protesi totale di ginocchio è una delle procedure di maggior successo in tutta la medicina.

Se hai appena iniziato ad esplorare le opzioni di trattamento o hhai già deciso di avere un intervento chirurgico di protesi totale del ginocchio, questo articolo ti aiuterà a capire di più su questa preziosa procedura.

Anatomia

Anatomia del ginocchio normale.

Il ginocchio è la più grande articolazione del corpo ed avere ginocchia sane è indispensabile per eseguire molte attività quotidiane.

Il ginocchio è costituito dalla estremità inferiore del femore, dall’estremità superiore della tibia, e dalla rotula. Le estremità di questi tre ossa sono ricoperte da cartilagine articolare, una sostanza liscia che protegge le ossa e permette loro di muoversi agevolmente.

I menischi si trovano tra il femore e la tibia. Questi cunei a forma di C fungono da “ammortizzatori”, che proteggono l’articolazione.

Grandi legamenti mantengono uniti il femore e tibia e garantiscono la stabilità del ginocchio. I lunghi muscoli della coscia forniscono la forza del ginocchio.

Tutte le superfici rimanenti del ginocchio sono coperte da un sottile rivestimento chiamato membrana sinoviale. Questa membrana rilascia un fluido che lubrifica la cartilagine, riducendo l’attrito quasi a zero in un ginocchio sano.

Normalmente, tutti questi componenti lavorano in armonia. Tuttavia, malattie o infortuni possono interrompere questa armonia, con conseguente dolore, debolezza muscolare, e riduzione della funzione.

Causa

La causa più comune di dolore e disabilità cronica del ginocchio è l’artrosi. Anche se ci sono molti tipi di artrosi, nella maggior parte dei casi il dolore al ginocchio è causato da tre tipi: osteoartrosi, artrite reumatoide, e artrosi post-traumatica.

  • Osteoartrosi. Si tratta di un tipo di artrosi da “usura” legata all’età. Di solito si verifica in persone di più di 50 anni di età, ma può verificarsi anche in persone più giovani. La cartilagine che ammortizza le ossa del ginocchio si ammorbidisce e si consuma. Le ossa quindi strofinano una contro l’altra, causando dolore al ginocchio e rigidità.
  • Artrite reumatoide. Si tratta di una malattia in cui la membrana sinoviale che circonda l’articolazione si infiamma e si ispessisce. Questa infiammazione cronica può danneggiare la cartilagine e causare la perdita di cartilagine, dolore e rigidità. L’artrite reumatoide è la forma più comune di un gruppo di malattie denominato “artriti infiammatorie”.
  • Artrosi post-traumatica. Questo tipo di artrosi può essere conseguenza di un grave infortunio al ginocchio. Le fratture delle ossa che circondano il ginocchio o le lesioni dei legamenti del ginocchio possono danneggiare nel tempo la cartilagine articolare, causando dolore al ginocchio e limitandone la funzione.

L’artrosi spesso si traduce in sfregamento di osso su osso. Speroni ossei sono una caratteristica comune di questa forma di artrite.

Descrizione

Una sostituzione del ginocchio (chiamata anche protesi di ginocchio) potrebbe essere definita più accuratamente un “rivestimento” del ginocchio perché solo la superficie delle ossa vengono effettivamente sostituite.

Ci sono quattro passaggi fondamentali per una procedura di protesi di ginocchio.

  • Preparazione dell’osso. Le superfici di cartilagine danneggiata alle estremità del femore e della tibia vengono rimosse con una piccola quantità di osso sottostante.
  • Posizionamento della protesi metalliche. La cartilagine e l’osso rimossi vengono sostituiti con elementi metallici che ricreano la superficie del giunto. Queste parti metalliche possono essere cementate o impiantate a pressione nell’osso.
  • Rivestimento della rotula. La superficie anteriore della rotula viene levigata e rivestita con un inserto di plastica. Alcuni chirurghi tuttavia non rivestono la rotula.
  • Inserimento di un distanziale. Una inserto di plastica viene inserito tra i componenti in metallo per creare una superficie liscia di scorrimento.
(Sinistra) Grave artrosi. (Destra) La cartilagine e l’osso sottostante di femore e tibia sono stati rimossi e rivestiti con impianti in metallo. Un inserto di plastica è stato inserito tra gli impianti.

La protesi totale di ginocchio è l’intervento adatto a te?

La decisione di avere un intervento chirurgico di protesi totale del ginocchio dovrebbe essere in accordo tra te, la tua famiglia, il tuo medico di famiglia, e il tuo chirurgo ortopedico. Il medico può fare riferimento a un chirurgo ortopedico per una valutazione approfondita, per determinare se potresti beneficiare da questo intervento chirurgico.

Quando l’intervento è raccomandato

Ci sono diversi motivi per cui il medico può raccomandare un intervento chirurgico di protesi di ginocchio. 

Un ginocchio che si è deformato in conseguenza di una grave artrosi.

Le persone che beneficiano di protesi totale di ginocchio generalmente hanno:Dolore grave o rigidità del ginocchio che limitano le attività quotidiane, tra cui camminare, salire le scale, e sedersi o alzarsi da una sedia. Potresti trovare difficoltà a camminare per più di un paio di isolati senza dolore significativo e potrebbe essere necessario utilizzare un bastone o un deambulatoreDolore moderato o grave al ginocchio, anche a riposo, sia di giorno che di notteInfiammazione cronica del ginocchio e gonfiore che non migliora con il riposo o i farmaciDeformità del ginocchio – una deviazione del ginocchio in dentro o in fuori Il fallimento di altri trattamenti come farmaci anti-infiammatori, iniezioni di cortisone, iniezioni lubrificanti, terapia fisica, o di altri interventi chirurgici

Candidati per l’intervento

Non ci sono età o restrizioni di peso assolute per l’intervento di protesi totale del ginocchio.

Le indicazioni all’intervento sono basate sul dolore e sulla disabilità di un paziente, non sull’età. La maggior parte dei pazienti che si sottopongono a protesi totale di ginocchio hanno tra i 50 e gli 80 anni, ma i chirurghi ortopedici valutano i pazienti individualmente. Protesi totali di ginocchio sono state eseguite con successo a tutte le età, dai giovani adolescenti con artrite giovanile fino al paziente anziano con artrosi degenerativa.

La valutazione ortopedica

Una valutazione con un chirurgo ortopedico è formata da diversi componenti:

(Sinistra) In questa radiografia di un ginocchio normale, lo spazio tra le ossa indica cartilagine sana (frecce). (Destra) Questa radiografia di un ginocchio che si è deformato per l’artrosi mostra una grave perdita di spazio articolare (frecce).

Anamnesi. Il chirurgo ortopedico raccoglierà informazioni sulla tua salute generale e chiederà la gravità del tuo dolore al ginocchio e la tua capacità funzionale.Visita. Il chirurgo ortopedico valuterà il grado di movimento del ginocchio, la stabilità, la forza, e l’allineamento generale della gamba.Radiografie. Queste immagini aiutano a determinare l’entità del danno e la deformità in ginocchio.Altri test. Occasionalmente gli esami del sangue, o tecniche avanzate di imaging, come una risonanza magnetica (RMN), possono essere necessari per determinare la condizione dell’osso e dei tessuti molli del ginocchio.

Il chirurgo ortopedico passerà in rassegna i risultati della sua valutazione con te e discuterà se la protesi totale del ginocchio sia il metodo migliore per alleviare il dolore e migliorare la funzione. Saranno prese in considerazione e discusse altre opzioni di trattamento, tra cui farmaci, iniezioni, terapia fisica, o altri tipi di intervento chirurgico.

Inoltre, il chirurgo ortopedico ti spiegherà i rischi potenziali e le complicazioni della protesi totale di ginocchio, comprese quelle relative alla chirurgia stessa e quelli che possono verificarsi nel tempo dopo l’intervento chirurgico.

Decidere di essere sottoposti ad un intervento chirurgico di protesi di ginocchio

Aspettative realistiche

Un fattore importante nel decidere se essere sottoposti ad un intervento chirurgico di protesi totale del ginocchio è capire che cosa la procedura può e non può fare.

Più del 90% delle persone che subiscono una sostituzione totale del ginocchio sperimentano una drastica riduzione del dolore al ginocchio e un significativo miglioramento della capacità di eseguire attività comuni della vita quotidiana. Ma la protesi totale di ginocchio non ti permetterà di fare di più di quanto potessi prima avete sviluppato l’artrosi.

Con l’utilizzo e la normale attività, ogni impianto protesico di ginocchio comincia ad usurare il suo inserto di plastica. Attività o peso eccessivi possono accelerare questa normale usura e possono fare mobilizzare la protesi di ginocchio e renderla dolorosa. Pertanto, la maggior parte dei chirurghi sconsigliano attività ad alto impatto come la corsa, il jogging, saltare, o altri sport ad alto impatto per il resto della tua vita dopo l’intervento chirurgico.

Attività realistiche concesse dopo la protesi totale di ginocchio comprendono passeggiate illimitate, nuoto, golf, guida, trekking leggero, bicicletta, ballo liscio, e altri sport a basso impatto.

Con una opportuna modifica delle attività, le protesi totali di ginocchio possono durare per molti anni.

Possibili complicanze dell’intervento

Il tasso di complicanze dopo la protesi totale di ginocchio è basso. Complicazioni gravi, come l’infezione, si verificano in meno del 2% dei pazienti. Le complicanze mediche come infarto o ictus si verificano anche meno frequentemente. Le malattie croniche possono aumentare il rischio di complicanze. Anche se rare, quando si verificano queste complicazioni, possono prolungare o limitare il pieno recupero.

Discuti a fondo le tue preoccupazioni con il tuo chirurgo ortopedico prima dell’intervento.

Infezione. L’infezione può verificarsi nella ferita o attorno alla protesi. Può capitare mentre sei ancora in ospedale o dopo il rientro a casa. Può anche verificarsi anni dopo l’intervento. Infezioni minori nella zona della ferita sono generalmente trattate con antibiotici. Infezioni maggiori o profonde possono richiedere più interventi chirurgici e la rimozione della protesi. Qualsiasi infezione nel vostro corpo può diffondersi alla protesi articolare.

Coaguli di sangue

Coaguli di sangue possono svilupparsi nelle vene delle gambe.

I coaguli di sangue nelle vene delle gambe sono una delle complicanze più comuni dell’intervento di protesi di ginocchio. Questi coaguli possono essere pericolosi per la vita se si mobilizzano e viaggiano fino ai polmoni. Il chirurgo ortopedico delineerà un programma di prevenzione, che può includere elevazione periodica delle gambe, esercizi per le gambe per aumentare la circolazione, calze elastiche e farmaci per diluire il sangue.

Problemi legati all’impianto.

Sebbene il design e i materiali degli impianti, così come le tecniche chirurgiche, continuano ad avanzare, le superfici dell’impianto possono consumarsi e le componenti possono mobilizzarsi. Inoltre, anche se è generalmente prevista una media di 115° di movimento dopo l’intervento chirurgico, possono verificarsi occasionalmente cicatrici del ginocchio, e il movimento può essere più limitato, in particolare in pazienti con movimento limitato prima dell’intervento chirurgico.

Dolore.

Un piccolo numero di pazienti continuano ad avere dolore dopo una protesi di ginocchio. Questa complicanza, però, è rara e la stragrande maggioranza dei pazienti prova un eccellente sollievo dal dolore dopo la sostituzione del ginocchio.

Lesioni neurovascolari.

Nonostante siano rare, possono verificarsi lesioni ai nervi o ai vasi sanguigni intorno al ginocchio durante l’intervento chirurgico.

Preparazione all’intervento

Valutazione medica

Se decidi di essere sottoposto ad un intervento chirurgico di protesi totale del ginocchio, il tuo chirurgo ortopedico può chiedere di programmare una visita completa con il tuo medico di famiglia diverse settimane prima dell’operazione. Ciò è necessario per assicurarsi che tu sia abbastanza sano per essere sottoposto all’intervento chirurgico e completare il processo di recupero. Molti pazienti con patologie croniche, come le malattie cardiache, possono essere valutati da uno specialista, come un cardiologo, prima dell’intervento.

Esami

Diversi esami, come ad esempio campioni di sangue e urine, e un elettrocardiogramma, possono essere necessari per aiutare il chirurgo ortopedico a pianificare l’intervento chirurgico.

Farmaci

Informa il chirurgo ortopedico sui farmaci che stai assumendo. Lui o lei ti dirà di quali farmaci devi interrompere l’assunzione e quali dovresti continuare a prendere prima dell’intervento chirurgico.

Valutazione odontoiatrica

Sebbene l’incidenza di infezioni dopo la protesi di ginocchio sia molto bassa, l’infezione si può verificare se i batteri entrano nel flusso sanguigno. Per ridurre il rischio di infezioni, importanti procedure odontoiatriche (come estrazioni dentarie e procedure parodontali) dovrebbero essere completate prima dell’intervento di protesi totale del ginocchio.

Valutazione urologica

Le persone con una storia di recenti o frequenti infezioni urinarie dovrebbero eseguire una valutazione urologica prima dell’intervento chirurgico. Gli uomini più anziani con malattie della prostata dovrebbero completare il trattamento richiesto prima di intraprendere un intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio.

Pianificazione sociale

Anche se sarai in grado di camminare con le stampelle o un deambulatore subito dopo l’intervento chirurgico, sarà necessario un po’ di aiuto per diverse settimane con attività come cucinare, fare shopping, lavarsi e vestirsi.

Se vivi da solo/a, un assistente sociale potrà aiutarti a prendere accordi preventivi per avere qualcuno in assistenza a casa tua. Potrà anche essere organizzato n breve soggiorno in una struttura di cura durante il recupero dopo l’intervento chirurgico.

Casa Pianificazione

Diverse modifiche possono rendere la vostra casa più facile da utilizzare durante il recupero. I seguenti elementi possono essere d’aiuto con le attività quotidiane:

  • Barre di sicurezza o un corrimano sicuro nella vostra doccia o vasca
  • Un corrimano sicuro lungo le scale
  • Una sedia stabile per le prime fasi di recupero con un cuscino rigido, una schienale rigido, due braccioli, e un poggiapiedi per sollevare la gamba 
  • Un sedile del water rialzato
  • Una sedia da doccia stabile o una sedia per il bagno
  • La rimozione di tutti i tappeti e dei cavi elettrici dalle zone in cui si cammina in casa
  • Uno spazio di vita temporanea sullo stesso piano, perché camminare su e giù le scale sarà più difficile durante il recupero precoce

Il tuo Intervento Chirurgico

È molto probabile che tu venga ammesso in ospedale il giorno del tuo intervento.

Anestesia

Dopo l’ammissione, sarai valutato da un membro del team di anestesia. I tipi più comuni di anestesia sono anestesia generale (in cui si dorme) o spinale, epidurale o anestesia di blocco nervoso regionale (si rimane svegli ma il corpo è anaestetizzato dalla vita in giù). Il team di anestesia, durante la visita di preparazione, determinerà quale tipo di anestesia sarà meglio per te.

Intervento

La procedura chirurgica richiede circa 1/2 ore. Il chirurgo ortopedico rimuoverà la cartilagine e le ossa danneggiate, e quindi posizionerà i nuovi impianti in metallo e plastica per ripristinare l’allineamento e la funzione del ginocchio.

Diversi tipi di protesi di ginocchio sono utilizzati per soddisfare le esigenze individuali di ogni paziente.
(Sinistra) Le radiografie di un ginocchio gravemente artrosico. (Destra) La radiografia di una sostituzione totale del ginocchio. Si noti che l’inserto in plastica inserito tra i componenti non si vede in una radiografia.

Dopo l’intervento chirurgico, verrai portato/a nella sala di risveglio. Dopo il risveglio, sarai portato alla tua stanza d’ospedale.

La Tua Permanenza in Ospedale

Molto probabilmente rimarrai in ospedale per qualche giorno.

Gestione del dolore

Dopo l’intervento chirurgico, sentirai un po’ di dolore, ma il chirurgo e gli infermieri ti somministreranno farmaci per alleviarlo il più possibile. La gestione del dolore è una parte importante del recupero. La deambulazione ed il movimento del ginocchio inizieranno subito dopo l’intervento chirurgico, e quando sentirai meno dolore, sarà possibile iniziare a muoversi ed riprendere le forze in fretta. Parla con il tuo medico se il dolore postoperatorio diventa un problema.

Prevenzione dei Coaguli di Sangue

Il chirurgo ortopedico può prescrivere una o più misure per prevenire la formazione di coaguli di sangue e ridurre il gonfiore delle gambe. Queste possono includere calze speciale, gambali gonfiabili (stivali di compressione), e anticoagulanti.

Il movimento del piede e della caviglia sono incoraggiati subito dopo l’intervento chirurgico per aumentare il flusso di sangue nei muscoli delle gambe e per aiutare a prevenire gonfiore delle gambe e coaguli di sangue.

Fisioterapia

La maggior parte dei pazienti cominciano ad esercitare il ginocchio il giorno dopo l’intervento chirurgico. In alcuni casi, i pazienti iniziano a muovere il ginocchio il giorno stesso dell’intervento. Un fisioterapista vi insegnerà esercizi specifici per rinforzare la gamba e ripristinare il movimento del ginocchio, per consentirvi di riprendere a camminare ed altre normali attività quotidiane subito dopo l’intervento chirurgico.

Prevenire la Polmonite

E’ comune per i pazienti avere una respirazione superficiale nel periodo postoperatorio. Questo è solitamente dovuto gli effetti dell’anestesia, ai farmaci per il dolore, e all’aumento del tempo trascorso a letto. Questa respirazione superficiale può portare a una chiusura parziale dei polmoni (definita “atelettasia”), che può rendere i pazienti suscettibili a polmonite. Per evitare questo, è importante fare frequenti respiri profondi.

Recupero

Il successo del tuo intervento dipenderà in larga misura da quanto seguirai le istruzioni del tuo chirurgo ortopedico per quanto riguarda l’assistenza domiciliare durante le prime settimane dopo l’intervento chirurgico.

Cura della Ferita

Potrai avere punti o graffette che corrono lungo la ferita o una sutura sotto la pelle (intradermica) sulla parte anteriore del ginocchio. I punti o graffette saranno rimossi alcune settimane dopo l’intervento chirurgico. Una sutura sotto la pelle non richiede la rimozione.

Evita che la ferita si bagni fino a quando non sia completamente guarita ed asciugata. È utile continuare a proteggere la ferita per evitare irritazioni da indumenti.

Dieta

Una certa perdita di appetito è comune per diverse settimane dopo l’intervento chirurgico. Una dieta equilibrata, spesso con un supplemento di ferro, è importante per promuovere una corretta cicatrizzazione dei tessuti e ripristinare la forza muscolare. Assicurati di bere molti liquidi.

Attività

L’esercizio fisico è una componente fondamentale del recupero a casa, in particolare durante le prime settimane dopo l’intervento chirurgico. Dovresti essere in grado di riprendere le normali attività più leggere della vita quotidiana nel raggio di 3 / 6 settimane dopo l’intervento. Qualche disagio durante le attività e di notte sarà comune per diverse settimane.

Il vostro programma di attività dovrebbe includere:

  • Un programma graduato di deambulazione per aumentare progressivamente la tua mobilità, inizialmente in casa e quindi al di fuori
  • Riprendere le altre attività domestiche normali, come stare seduto, in piedi, e salire le scale
  • Esercizi specifici più volte al giorno per ripristinare la circolazione e rafforzare il ginocchio. Probabilmente sarai in grado di eseguire gli esercizi senza aiuto, ma avere l’aiuto di un fisioterapista a casa o in un centro di fisioterapia le prime settimane dopo l’intervento chirurgico potrebbe essere utile.

È molto probabile che tu sia in grado di riprendere a guidare, quando il ginocchio si piega a sufficienza per entrare e sederti comodamente in auto, e quando il controllo muscolare fornisce un tempo di reazione sufficiente per la frenata e l’accelerazione. La maggior parte delle persone riprendere a guidare 4 a 6 settimane circa dopo l’intervento chirurgico.

Evitare Problemi dopo l’Intervento

Riconoscere i segni di una trombosi

Segui attentamente le istruzioni del tuo chirurgo ortopedico per ridurre il rischio di sviluppo di coaguli di sangue durante le prime settimane di recupero. Lui o lei può raccomandarti di continuare a prendere il farmaco anticoagulante che ti è stato somministrato in ospedale. Informa immediatamente il medico se si sviluppa uno dei seguenti segnali di pericolo.

Segni di trombosi I segni premonitori di possibili coagulI di sangue nella gamba includono:

  • Dolore al polpaccio e alla gamba che non è localizzato sull’incisione chirurgica
  • Arrossamento del polpaccio
  • Gonfiore di coscia, polpaccio, caviglia, o piede insorto o aumentato dopo l’intervento

Segni di embolia polmonare I segni premonitori che un coagulo di sangue si è mobilizzato fino al polmone sono:

  • Mancanza improvvisa di respiro
  • Insorgenza improvvisa di dolore toracico
  • Dolore localizzato al torace accentuato da colpi di tosse

Prevenire l’infezione

Una causa comune di infezione dopo l’intervento di sostituzione totale del ginocchio è data da batteri che entrano nel flusso sanguigno durante le procedure odontoiatriche, infezioni del tratto urinario o infezioni della pelle. Questi batteri possono localizzarsi intorno al ginocchio e causare un’infezione.

Dopo la protesi di ginocchio, i pazienti con alcuni fattori di rischio possono avere bisogno di prendere antibiotici prima di un intervento odontoiatrico, tra cui le pulizie dentali, o prima di qualsiasi procedura chirurgica che potrebbe permettere ai batteri di entrare nel flusso sanguigno. Il chirurgo ortopedico discuterà con te se l’assunzione preventiva di antibiotici prima di procedure dentali è necessario nella tua situazione.

Segnali di pericolo di infezione. Segnala immediatamente al medico se si sviluppa uno dei seguenti segni di una possibile infezione di protesi di ginocchio:

  • Febbre persistente (superiore ai 37,5°C misurati per via orale)
  • Brividi
  • Aumento di rossore o gonfiore della ferita chirurgica
  • Fuoriuscita di liquido dalla ferita all’anca
  • Aumento del dolore al ginocchio sia con l’attività che a riposo

Evitare cadute

Una caduta durante le prime settimane dopo l’intervento chirurgico può danneggiare il tuo ginocchio nuovo e può comportare la necessità di un ulteriore intervento chirurgico. Le scale sono un particolare pericolo fino a quando il ginocchio non è forte e mobile. E’ consigliabile usare un bastone, le stampelle, un deambulatore, un corrimano, o avere qualcuno in aiuto prima di aver migliorato il tuo equilibrio, la flessibilità e la forza.

Il chirurgo e il fisioterapista ti aiuteranno a decidere di quali aiuti avrai bisogno dopo l’intervento chirurgico, e quando questi aiuti possono essere tranquillamente abbandonati.

Risultati

Perché il tuo nuovo ginocchio è diverso

Il miglioramento del movimento del ginocchio è l’obiettivo della protesi totale del ginocchio, ma il ripristino della piena articolarità è raro. Il movimento del ginocchio dopo l’intervento chirurgico può essere previsto dalla gamma di movimento che avevi prima dell’intervento chirurgico. La maggior parte dei pazienti possono aspettarsi di essere in grado di raddrizzare quasi completamente il ginocchio sostituito e di piegare il ginocchio a sufficienza per salire le scale ed entrare e uscire da una macchina. Inginocchiarsi a volte può essere scomodo, ma non è dannoso.

La maggior parte delle persone sentono un po’ di intorpidimento sulla pelle intorno alla ferita. Si può anche sentire un po’ di rigidità, in particolare con attività che richiedono eccessive flessioni del ginocchio.

Alcune persone possono sentire qualche rumore di metallo o di plastica con la flessione del ginocchio o camminando. Questo è un normale. Queste differenze spesso diminuiscono con il tempo e la maggior parte dei pazienti le trovano tollerabili, rispetto al dolore ed alla funzione limitata che provavano prima dell’intervento.

Il tuo nuovo ginocchio può attivare i metal detector necessari per la sicurezza negli aeroporti e in alcuni edifici. Dovrai dire all’agente di sicurezza della tua protesi di ginocchio se si attiva l’allarme.

Protezione della protesi di ginocchio

Dopo l’intervento chirurgico, assicuratevi di fare anche quanto segue:

  • Partecipare a regolari programmi di esercizi leggeri per mantenere la giusta forza e la mobilità del tuo nuovo ginocchio.
  • Prendere precauzioni particolari per evitare cadute e infortuni. Se si rompe un osso nella gamba, potrebbe essere necessario più un intervento chirurgico.
  • Assicurati che il tuo dentista sappia che hai una protesi di ginocchio. Parla con il tuo chirurgo ortopedico per sapere se devi prendere antibiotici prima di procedure dentali.
  • Consulta il chirurgo ortopedico periodicamente per una visita di controllo di routine e per una radiografia, di solito una volta all’anno.

Estendere la durata della protesi di ginocchio

Attualmente, oltre il 90% delle moderne protesi totali di ginocchio s ancora funzionante 15 anni dopo l’intervento chirurgico. Seguire le istruzioni del tuo chirurgo ortopedico dopo l’intervento e avere cura di proteggere la protesi di ginocchio e la tua salute generale sono modi importanti per contribuire al successo finale del tuo intervento.

Ultimo aggiornamento: Dicembre 2015

Fonte: http://orthoinfo.aaos.org

Questo sito web contine articoli informativi il cui unico scopo è favorire la conoscenza nel pubblico interesse. Questo articolo è liberamente ispirato al sito web dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons e in alcun modo deve essere utilizzato per curare o curarsi o per sostituirsi al parere dei Medici. Le immagini pubblicate sono a bassa risoluzione e/o degradate nel rispetto della legge italiana che regola i diritti d’autore (633/1941 comma 1 art.70: “è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro“) e della direttiva europea IPRED2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *