Spalla

PROTESI INVERSA DI SPALLA

Ogni anno, migliaia di protesi totali di spalla convenzionali vengono eseguite con successo per i pazienti con artrosi di spalla. Questo tipo di intervento chirurgico, tuttavia, non è indicato per i pazienti con grandi lesioni della cuffia dei rotatori che hanno sviluppato un tipo complesso di artrosi di spalla chiamata artropatia da cuffia. Per questi pazienti, la protesi totale di spalla convenzionale può provocare dolore e movimento limitato, e la protesi inversa di spalla può essere un’opzione.

Descrizione

La protesi convenzionale di spalla è un dispositivo che imita la normale anatomia della spalla: un “bicchiere” di plastica è impiantato nella cavità della glenoide, e una “palla” di metallo è attaccata alla parte superiore dell’osso del braccio (omero). In una protesi inversa di spalla, la cavità e la palla di metallo sono invertiti. La sfera di metallo è fissata alla glenoide e la coppa di plastica è fissata all’estremità superiore dell’omero.

In una spalla sana, la testa dell’omero è tenuta nella cavità della spalla da diversi muscoli e tendini, compreso il tendine della cuffia dei rotatori.

Una protesi inversa di spalla funziona meglio per le persone con una artropatia da rottura della cuffia dei rotatori perché si basa su diversi muscoli per muovere il braccio. In una spalla sana, i muscoli della cuffia dei rotatori garantiscono posizione e potenza del braccio durante la gamma di movimento. Anche una protesi convenzionale utilizza i muscoli della cuffia dei rotatori per funzionare correttamente. In un paziente con una grossa rottura della cuffia dei rotatori e artropatia da cuffia, questi muscoli non funzionano più. La protesi inversa di spalla si basa sul muscolo deltoide, invece della cuffia dei rotatori, per muovere e posizionare il braccio.

(Sinistra) Artropatia da cuffia. (Destra) La protesi totale inversa di spalla consente ad altri muscoli - come il deltoide - di fare il lavoro dei tendini della cuffia dei rotatori danneggiati.
(Sinistra) Artropatia da cuffia. (Destra) La protesi totale inversa di spalla consente ad altri muscoli – come il deltoide – di fare il lavoro dei tendini della cuffia dei rotatori danneggiati.

Candidati per la Chirurgia 

La protesi inversa di spalla può essere indicata se si hanno:

  • Una cuffia dei rotatori completamente lesionata e che non può essere riparata
  • Artropatia da cuffia
  • Una protesi di spalla precedente impiantata, che non ha avuto successo
  • Dolore alla spalla grave con difficoltà ad il braccio di lato o sopra la testa
  • Provato altri trattamenti, come il riposo, i farmaci, iniezioni di cortisone, e terapia fisica, che non hanno alleviato il dolore alla spalla

Preparazione all’Intervento

Valutazione medica

Se si decide di essere sottoposti ad un intervento chirurgico di sostituzione della spalla, il vostro chirurgo ortopedico può chiedere di programmare un esame completo con il vostro medico di famiglia diverse settimane prima dell’intervento chirurgico. Ciò è necessario per assicurarsi che siate abbastanza sano per essere sottoposto all’intervento chirurgico e percompletare il processo di recupero. Molti pazienti con patologie croniche, come le malattie cardiache, devono essere valutati anche da uno specialista, come un cardiologo, prima della chirurgia.

Farmaci

Assicurati di dire al tuo chirurgo ortopedico i farmaci che assumi. Alcuni farmaci possono avere bisogno di essere sospesi prima di un intervento chirurgico. Ad esempio, i seguenti farmaci possono causare sanguinamento eccessivo e dovrebbero essere sospesi 2 settimane prima dell’intervento:

  • Farmaci non steroidei anti-infiammatori, come laspirina, ibuprofene e naprossene sodico
  • La maggior parte dei farmaci per l’artrosi

Se assumi fluidificanti del sangue, il medico di assistenza primaria o il cardiologo vi consiglierà di smettere questi farmaci prima dell’intervento chirurgico.

Preparazione a casa

Alcune semplici modifiche nella vostra casa prima di un intervento chirurgico potranno rendere il vostro periodo di recupero più facile.

Per le prime settimane dopo l’intervento, saranno difficili da raggiungere scaffali alti e armadi. Prima dell’intervento, siate sicuri di posizionare nella vostra casa tutti gli articoli di cui potreste avere bisogno su scaffali bassi.

Quando torni a casa dall’ospedale, avrai bisogno di aiuto per un paio di settimane per alcune attività quotidiane come vestirsi, lavarsi, cucinare. Se non hai alcun sostegno a casa subito dopo l’intervento chirurgico, potrebbe essere necessario un breve soggiorno in un centro di riabilitazione fino a diventare più indipendenti.

Il Tuo Intervento

Prima dell’intervento

Indossa abiti larghi ed una camicia con i bottoni davanti quando vai in ospedale per l’intervento. Dopo l’intervento chirurgico, dovrai indossare un tutore ed avrai un uso limitato del braccio.

È molto probabile che tu venga ammesso in ospedale il giorno dell’intervento. Dopo il ricovero, sarai portato nella zona di preparazione preoperatoria ed incontrerai un medico del reparto di anestesia.

Tu, il tuo anestesista, ed il tuo chirurgo avrete preventivamente discusso il tipo di anestesia da utilizzare. Può essere utilizzato un anestetico generale (si rimane addormentati per l’intera operazione), un anestetico regionale (si può essere svegli, ma non si sente alcun dolore nella zona dell’intervento), o una combinazione di entrambi i tipi.

Operazione

L’intervento per sostituire la vostra spalla con un dispositivo artificiale di solito dura circa 2 ore.

Dopo l’intervento chirurgico, sarai spostato alla sala di risveglio, mentre il recupero dall’anestesia viene monitorato. Dopo esserti svegliato, sarai portato alla tua stanza d’ospedale.

Le componenti di una protesi inversa di spalla includono la palla di metallo che viene avvitata nella glenoide e la tazza di plastica che è fissata nell'osso del braccio.
Le componenti di una protesi inversa di spalla includono la palla di metallo che viene avvitata nella glenoide e la tazza di plastica che è fissata nell’osso del braccio.

Complicanze

La protesi inversa di spalla è una procedura altamente tecnica. Il chirurgo valuterà con attenzione la tua situazione particolare e discuterà con te i rischi della chirurgia.

I rischi per qualsiasi intervento chirurgico includono emorragie e infezioni. Le complicanze specifiche di una protesi totale di un’articolazione includono usura, mobilizzazione o dislocazione delle componenti. Se una di queste si verifica, la può essere necessario revisionare nuova articolazione della spalla, o essere ri-operato.

Una tipica radiografia di controllo di una protesi totale inversa di spalla.
Una tipica radiografia di controllo di una protesi totale inversa di spalla.

Post-operatorio

La maggior parte dei pazienti sono in grado di mangiare cibi solidi e alzarsi dal letto il giorno dopo l’intervento chirurgico. È molto probabile che tu sia in grado di tornare a casa già due o tre giorni dopo l’intervento.

Gestione del dolore

Dopo l’intervento chirurgico, sentirai un po’ di dolore, ma il chirurgo e gli infermieri ti somministreranno farmaci per farti sentire meno dolore possibile. La gestione del dolore è una parte importante del recupero. La fisioterapia inizierà subito dopo l’intervento chirurgico, e quando sentirai meno dolore, sarà possibile iniziare a muoversi ed a riprendere le forze.

Riabilitazione

Un attento e ben pianificato programma di riabilitazione, è fondamentale per il successo di una sostituzione di spalla. Di solito la fisioterapia inizia in maniera dolce subito dopo l’operazione. Il chirurgo e il fisioterapista ti forniranno un programma di esercizi da fare a casa per rafforzare la vostra spalla e migliorarne la mobiità.

Il Recupero a Casa

Quando si lascia l’ospedale, il braccio sarà posizionato in un tutore. Sarà necessario per sostenere e proteggere la spalla per le prime 2 / 4 settimane dopo l’intervento chirurgico.

Indossare un tutore proteggerà la vostra spalla dopo l’intervento chirurgico.

Cura delle ferite. Avrai dei punti metallici che corrono lungo la ferita o una sutura sotto la pelle (intradermica). I punti saranno rimossi circa due settimane dopo l’intervento. Una sutura intradermica non richiede la rimozione. Evita di bagnare la ferita finché non si è completamente chiusa e asciugata. È possibile continuare a coprire la ferita per evitare irritazioni dai vestiti.

Attività. Gli esercizi una componente critica del recupero domiciliare, in particolare durante le prime settimane dopo l’intervento chirurgico. Segui il piano di esercizi domiciliari del tuo chirurgo per aiutarti a ritrovare la forza. La maggior parte dei pazienti sono in grado di svolgere semplici attività come mangiare, vestirsi e governare entro 2 settimane dopo l’intervento chirurgico. Alcuni dolore con l’attività e di notte saranno comuni per diverse settimane dopo l’intervento chirurgico. Guidare la macchina non sarà consentito per 4 settimane dopo l’intervento chirurgico.

Cosa fare e cosa non fare

Il successo della tua chirurgia dipenderà in gran parte dal modo in cui seguirai le istruzioni del tuo chirurgo ortopedico a casa durante le prime settimane dopo l’intervento chirurgico. Qui ci sono alcune cose da fare e da non fare quando si torna a casa:

  • Non usare il braccio per alzarti dal letto o da una sedia, perché questo richiede la contrazione forzata dei muscoli.
  • Segui il programma di esercizi domiciliari prescritti per te. Potrebbe essere necessario fare gli esercizi da 2 a 3 volte al giorno per un mese o più.
  • Non esagerare! Se il dolore che avevi alla spalla era severo prima dell’intervento, l’esperienza del movimento senza dolore potrà farti pensare che si può fare più di quanto è prescritto. L’abuso precoce della spalla può comportare gravi limitazioni di movimento.
  • Non sollevare niente più pesante di un bicchiere d’acqua per le primei 2 a 4 settimane dopo l’intervento chirurgico.
  • Non partecipare a sport di contatto o attività che richiedano ripetuti sollevamenti di carichi pesanti dopo la vostra protesi di spalla.
  • Evita di mettere il braccio in qualunque posizione estrema, come ad esempio dritta davanti a te o dietro il tuo corpo per le prime 6 settimane dopo l’intervento chirurgico.

Ultimo aggiornamento: Novembre 2015

Fonte: http://orthoinfo.aaos.org

Questo sito web contine articoli informativi il cui unico scopo è favorire la conoscenza nel pubblico interesse. Questo articolo è liberamente ispirato al sito web dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons e in alcun modo deve essere utilizzato per curare o curarsi o per sostituirsi al parere dei Medici. Le immagini pubblicate sono a bassa risoluzione e/o degradate nel rispetto della legge italiana che regola i diritti d’autore (633/1941 comma 1 art.70: “è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro“) e della direttiva europeaIPRED2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *