Spalla

LAVAGGIO ECOGUIDATO DELLE CALCIFICAZIONI DELLA SPALLA

Cosè il lavaggio eco guidato?

Il lavaggio ecoguidato (barbotage) è una procedura utilizzata nei tendini che sono affetti da una condizione chiamata “tendinopatia calcifica”. In questa condizione si formano depositi di calcio nei tendini, in particolare nei tendini delle spalle. Il barbotage si esegue introducendo uno o più aghi nel deposito calcifico per rimuovere il calcio e per stimolare il corpo a riassorbirlo.

Cosè la tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori?

La tendinopatia calcifica, o tendinite calcifica della cuffia dei rotatori, è una patologia caratterizzata dalla deposizione di cristalli di fosfato di calcio nel contesto tendineo della cuffia dei rotatori. Tipicamente insorge nella fascia di età fra i 30 ed i 50 anni con una prevalenza segnalata dal 6,8% al 54% nei pazienti con dolore alla spalla, interessa maggiormente il sesso femminile e nel 20% dei casi si assiste ad un interessamento bilaterale delle spalle. Il tendine maggiormente interessato è il sovraspinato (51-82% a seconda delle casistiche). Le cause della tendinopatia calcifica della spalla sono ancora poco conosciute. Una possibile causa è rappresentata da una locale carenza di vascolarizzazione e conseguente degenerazione del tessuto tendineo della cuffia dei rotatori.

Come si manifesta la tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori?

La tendinite calcifica si evolve in fasi formativa e di riassorbimento.

La fase formativa cronica deriva da ipossia transitoria che è comunemente associata a microtraumi ripetuti. Ciò si traduce in un aumento dei livelli di proteoglicano che inducono la metaplasia dei tenociti nei condrociti. Questo è seguito da depositi di calcio, che si sviluppano in focolai ossei che successivamente si uniscono. Durante la fase formativa cronica che può estendersi ovunque da 1 a 6 anni, il paziente può essere completamente asintomatico. In alcuni casi la condizione verrà scoperta solo accidentalmente. Alcuni pazienti possono presentare sintomi che imitano un lieve conflitto.

Durante la fase di riassorbimento acuto la periferia dei depositi di calcio mostra vascolarizzazione con infiltrazione di cellule giganti macrofagiche e mononucleate insieme alla formazione di fibroblasti. Questo produce una reazione infiammatoria aggressiva con accumulo di cellule infiammatorie, edema eccessivo e aumento della pressione intra-tendineo. Ciò porta a dolore severo che è attribuito da alcuni al conflitto secondario risultante dall’aumento delle dimensioni del tendine, o dovuto alla rottura dei depositi nello spazio subacromiale o nella borsa. Durante questa fase, il paziente presenta solitamente sintomi gravi che possono estendersi da 3 settimane a 6 mesi. In genere, più i sintomi sono gravi, minore è la durata della condizione. Il paziente presenta con tremendo dolore su tutta la spalla con gonfiore sopra l’inserzione del sovraspinato. Il dolore si estende comunemente alla radice del collo. È molto difficile eseguire uno qualsiasi dei test speciali a causa del dolore insopportabile.

Come viene eseguito il lavaggio?

Il lavaggio viene eseguito come procedura ambulatoriale utilizzando la guida ecografica. Per questa procedura non è richiesta alcuna preparazione. Potrebbe essere d’aiuto indossare indumenti chepermettano di esporre facilmente la spalla in questione; potrebbe essere richiesto di spogliarsi fino alla vita. Ireggiseno possono essere tenuti indossati, ma con la spallina abbassata.

Dopo un iniziale esame ecografico in posizione seduta, il lavaggio viene eseguito da sdraiati su un lettino.L’area di iniezione viene innanzi tutto anestetizzata con un ago sottile. Vengono quindi posizionati due o treaghi nel deposito calcifico e vengono eseguite più punture per rompere la calcificazione. La procedura èestremamente precisa e l’ago viene continuamente controllato con l’ecografia. In particolare si prestaattenzione a ridurre al minimo le lesioni al tendine.

A questo punto viene iniettata soluzione fisiologica a pressione nella calcificazione per rompere ed aspirare idepositi di calcio. Talvolta parte della calcificazione può essere prelevata nella siringa.

A seguito del lavaggio, viene eseguita un’infiltrazione con steroide (triamcinolone) e anestetico locale(bupivicaina).

Il sito di iniezione viene coperto con una piccola medicazione che può essere rimossa dopo 24 ore.

Quanto tempo dura il lavaggio?

La durata può variare per una serie di motivi, tuttavia può aspettarsi di dover rimanere in ambulatorio percirca 30-45 minuti.

Cosa succede dopo la procedura?

Le verrà chiesto di fermarsi presso l’ambulatorio per alcuni minuti, per essere sicuri che non ci sia stataalcuna reazione alla procedura.

Le verrà chiesto di non guidare per il resto della giornata e quindi potrebbe essere necessario essere accompagnato da un amico o un parente o in alternativa utilizzare un trasporto pubblico. La maggior partedei pazienti è in grado di tornare alla guida il giorno successivo, ma non dovrebbe guidare fino a quando nonsi sente sicuro.

Dovrebbe notare che il dolore migliora molto rapidamente dopo l’anestesia locale, ma più tardi ritorna -normalmente l’anestesia svanisce nell’arco di due/quattro ore. Se ha bisogno di ulteriore sollievo dal dolore,potrà assumere farmaci antidolorifici per i primi giorni. La spalla potrà sembrare gonfia per alcuni giorni.

Cerchi di evitare di sollevare carichi pesanti per 48 ore. Interrompa gli esercizi che fa in palestra o con ilfisioterapista per una settimana, ma si assicuri di avere un appuntamento con il fisioterapista una o duesettimane dopo il trattamento per rivedere i sintomi e proseguire con la riabilitazione. È importante aderire aiconsigli ed esercizi del fisioterapista per ottenere il massimo beneficio dalla procedura.

Quanto velocemente funzionerà il trattamento?

Questo varia da persona a persona, ma ci aspetteremmo di vedere un miglioramento dei sintomi tra le tre ele sei settimane. Per ottenere il massimo beneficio della procedura potrebbero essere necessarie diversesettimane.

Ci sono dei rischi?

Il barbotage è una procedura sicura ed efficace, ma come con qualsiasi terapia medica, alcune complicanze minori possono verificarsi tra il 7 e il 10% dei pazienti:

  • Borsite: la ricerca suggerisce che questo è l’effetto avverso più comune del trattamento. Il dolore alla spalla dopo la procedura è abbastanza comune ed è causato dall’infiammazione che viene stimolata dal lavaggio per stimolare il corpo a riassorbire la calcificazione.
  • Svenimento o sensazione di svenimento durante la procedura: le sue condizioni vengono monitorate durante il trattamento. Se dovesse verificarsi, basta semplicemente sospendere momentaneamente laprocedura.
  • Infezione: Come con qualsiasi procedura in cui viene penetrata la pelle, vi è il rischio di infezione.Dovrà consultare il medico (per escludere l’infezione) se dovesse verificarsi una qualsiasi delleseguenti condizioni dopo la procedura: – la pelle sulle ferite da iniezioni diventa rossa e infiammata; – ildolore alla spalla diventa molto più grave; – l’arco dei movimenti diventa molto più limitato.
  • Sanguinamento o lividi sul sito del trattamento.
  • Alterazione valori glicemici: i pazienti diabetici possono osservare un’alterazione dei livelli di glicemia che può durare fino a una o due settimane. Se ha il diabete, le verrà consigliato di monitorare i livelli di glicemia per due settimane dopo l’iniezione. In caso di dubbi sul controllo del diabete, contattare il medico di famiglia.
  • Perdita della pigmentazione della pelle (colore) nel sito di iniezione: è un effetto del cortisone e tende ad essere più probabile per le persone con pigmentazione della pelle più scura.

Quanto dureranno i benefici del trattamento?

La ricerca attuale suggerisce che tra il 55 e il 92% dei pazienti abbia un miglioramento da buono aeccellente del dolore e che funzioni fino a 1 anno dopo il trattamento. In alcuni casi può essere necessario ripetere la procedura (secondo alcuni studi nel 5% dei casi). Un recente studio ha segnalato che anche 5 anni dopo il trattamento il 78% dei pazienti continuava a beneficiare dal trattamento, e nel 12% dei casi è stato necessario ripetere la procedura.

Lo scopo dell’intervento di protesi di ginocchio è quello di diminuire il dolore e ripristinare la funzionalità. Sebbene la protesi totale di ginocchio (chiamata anche “artroplastica”) sia una scelta eccellente per i pazienti con osteoartrosi del ginocchio, esistono altre opzioni chirurgiche. I pazienti con osteoartrosi limitata a solo una parte del ginocchio possono essere candidati per la protesi monocompartimentale di ginocchio (chiamata anche una protesi di ginocchio “parziale”).

Ultimo aggiornamento: Maggio 2018

Questo sito web contine articoli informativi il cui unico scopo è favorire la conoscenza nel pubblico interesse. Questo articolo in alcun modo deve essere utilizzato per curare o curarsi o per sostituirsi al parere dei Medici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *